Rigatoni alla grigia

Un piatto di pasta fatto bene può cambiare la mia giornata. Non ho grandi preferenze, basta che sia fatta con tutti i crismi. Stasera la dolce metà, non capita spesso, l’ha richiesta: come dire di no? Ho aperto il frigo è ho visto un avanzo di pecorino che gridava vendetta, perciò faccio una grigia. Non darò dosi, credo che ognuno sappia il suo. L’unico punto fermo per me sono i rigatoni e il guanciale. Poi certo il pecorino, ma poco stagionato, romano o no per me non ha importanza. Non bruciare il guanciale e conservare l’acqua di cottura della pasta che con i suoi amidi formerà quella cremina deliziosa. Punto.

Faccio scaldare bene la padella, meglio antiaderente, prima di mettere il guanciale a tostare a fuoco dolce. Preparo il pecorino, un mestolo per aggiungere un pò dell’acqua di cottura della pasta. Quando la pasta è ben al dente la scolo direttamente in padella, aggiungo qualche mestolata della sua acqua e faccio andare a fuoco vivace. Ora aggiungo il pecorino e mescolo velocemente. Una spolverata di pepe nero e via a tavola!!