Ossibuchi e risotto

(CIAO MAMMA!!)

Da ragazzina c’erano alcuni piatti che preferivo tra quelli cucinati da mia mamma: il pesce, cucinato in qualunque maniera. A casa non se ne mangiava molto perché lei lavorava tutto il giorno e non aveva molto tempo per fare la spesa con cura. Ma il primo posto spetta agli ossibuchi con il risotto, gli adoro, tanto che per il mio compleanno lei li preparava sempre. Naturalmente è più che un piatto unico, perché servito con il risotto alla milanese. L’aroma dell’arancia e del limone, quella salsa stratosferica…insomma per me è un gran piatto!!

In questi giorni, improvvisamente di nuovo invernali, ho deciso di prepararli per cena. Siccome sono un pò laboriosi ho deciso di invitare gli amici. Tra di loro c’è qualcuno che non ama l’ossobuco, perciò farò a parte con del filetto di manzo la stessa ricetta. Vedremo come andrà!

8 ossibuchi di vitella

Un trito abbondante di cipolla, sedano,carota,aglio, maggiorana e scorza di limone

Farina

sale e pepe

un bicchiere di vino bianco

50 gr. di burro e olio extravergine

500 gr. di pelati

1 tazza di brodo (facoltativa)

In una capiente padella fate stufare con il burro e l’olio extravergine il trito di aromi, il profumo vi farà venire l’aquolina in bocca già da ora. Nel frattempo infarinate per bene gli ossibuchi dopo averli conditi di sale e pepe. Adagiate in padella la carne e fate insaporire bene, sfumate con il vino.

Ora unite i pelati, abbassate il fuoco al minimo possibile. Coprite la padella e lasciate cuocere per 1 ora. Poco tempo prima della fine della cottura aggiungete un trito di 3 spicchi d’aglio, la scorza di limone e di arancia tritate. Finite di cuocere e servite!

RISOTTO ALLA MILANESE

Scrivo la mia ricetta, ma sono sicura che ognuno ha la sua.

1/2 cipolla bianca tritata fine

400 gr. di riso bianco

1 lt. di brodo di carne

1 bustina di zafferano

1/2 bicchiere di vino bianco

burro e parmigiano

In una pentola con i bordi alti fate rosolare dolcemente la cipolla con il burro (50 gr.). Appena diventa trasparente versate il riso e mescolando fatelo tostare. Quando ‘suona’ sulle pareti della pentola potete sfumare con il vino.

Ora aggiungete il brodo in tre volte circa e fate andare sino a cottura, meglio se un pò al dente. Non fatelo asciugare troppo, anzi deve essere ‘all’onda’ come si dice. Spento il fuoco aggiungete al riso 50 gr. di burro e alcune mangiate di parmigiano, mescolate per mantecare. Fate riposare qualche minuto e servite.

A proposito della variazione con i bocconcini di filetto di manzo??

SPAZIALI!!!!